Coordinamento CARE

Coordinamento delle Associazioni familiari Adottive e Affidatarie in Rete

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Ultime news Un tavolo di lavoro sulle Linee guida per l'inserimento scolastico dei minori fuori famiglia nel protocollo MIUR / AGIA

Un tavolo di lavoro sulle Linee guida per l'inserimento scolastico dei minori fuori famiglia nel protocollo MIUR / AGIA

Logo CAREAll'interno del Protocollo di intesa 'Pari opportunità nell'istruzione per le persone minori di età' firmato il 5 maggio 2017 dalla Ministra dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Valeria Fedeli e dalla Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza, Filomena Albano trova spazio un Tavolo di lavoro sulle Linee guida per l'inserimento scolastico dei minori fuori famiglia. Il Coordinamento CARE ha segnalato recentemente, sia in un'audizione con la Ministra Fedeli che in un incontro con la Garante Albano, l'urgenza di predisporre delle Linee Guida su questo tema. Le 'Linee di indirizzo per favorire il diritto allo studio degli alunni adottati', redatte dal CARE all'interno di un tavolo paritetico in MIUR, hanno avuto un forte impatto positivo all'interno del sistema scolastico. Questo ci ha persuaso che fosse necessario un analogo documento a beneficio di tutti i bambini e i ragazzi che vivono fuori dalla famiglia di origine sia in affido sia ospiti delle comunità residenziali.

Il protocollo di intesa 'Pari opportunità nell'istruzione per le persone minori di età' si inserisce perfettamente in questo dialogo costruttivo fra istituzioni e associazionismo familiare, in cui all'interno di un ombrello più ampio trovano spazio dedicato per la prima volta i minori fuori famiglia. Il protocollo infatti sì pone i seguenti obiettivi:

1. promuovere iniziative congiunte volte alla tutela dei diritti delle persone di minore età, con particolare riferimento a quelle dirette a garantire il diritto allo studio ed il benessere dei minori non accompagnati, dei minori fuori famiglia e dei minori appartenenti a minoranze etniche;
2. favorire azioni rivolte al mondo dell'infanzia e dell'adolescenza, con tutti gli attori coinvolti nel processo formativo-educativo della persona di minore età e nella prevenzione della dispersione scolastica;
3. sviluppare iniziative culturali, di formazione e qualificazione di soggetti a diverso titolo impegnati professionalmente in attività con i minori;
4. promuovere azioni sinergiche per diffondere la cultura dei diritti dell'infanzia.

Consulta il Protocollo


 

 


smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon
 
FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS FeedPinterest
10409456_542025949240946_1496708697550935258_n.jpg

In evidenza

Banner


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento del sito. Se vuoi saperne di più consulta la privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.